Mettersi in Proprio: Cosa Fare e Come Aprire l'Attività
Mettersi in Proprio: Cosa Fare e Come Aprire l'Attività

Mettersi in Proprio: Cosa Fare e Come Aprire l'Attività

Prima di mettersi in proprio è importante capire cosa bisogna fare per intraprendere una nuova attività. Vediamo insieme le diverse soluzioni per iniziare a lavorare in autonomia e i passi necessari per farlo nel modo migliore.

Cosa vuol dire mettersi in proprio

Lavorare in proprio significa svolgere un'attività in piena autonomia, senza essere alle dipendenze di un datore di lavoro. Chi decide di mettersi in proprio è libero di organizzare il modo, i tempi e il luogo di lavoro. Tuttavia, chi vuole aprire l'attività in proprio non può contare su uno stipendio fisso e deve quindi essere consapevole del rischio economico che corre. Inoltre, se si è dipendenti bisogna verificare la compatibilità del proprio lavoro e la partita IVA.

Chi comincia a lavorare in proprio ha, in genere, meno costi e meno tasse di chi svolge un lavoro da dipendente. È importante, tuttavia, capire come aprire l'attività e quale tipologia scegliere. Infatti, a seconda del tipo, esistono diversi regimi fiscali applicabili e diverse agevolazioni dedicate al lavoro autonomo, all'impresa e alle startup. Ad esempio, il regime forfettario prevede tasse ridotte fino al 5% per i primi 5 anni.

Spesso ci si chiede se è possibile mettersi in proprio o aprire un'attività "senza soldi". Ad oggi, le agevolazioni dedicate alle nuove imprese consentono di avviare un progetto anche senza avere un ingente capitale iniziale. Tuttavia, è sempre necessario sostenere alcune spese a seconda del tipo di attività da aprire. Per l'apertura della partita IVA, in genere, sono previsti costi molto bassi. Per costituire una società, invece, i costi sono più alti ma è possibile farlo anche con un capitale sociale di 1 euro. Inoltre, è possibile accedere ad alcuni finanziamenti agevolati, come prestiti a tasso zero e a fondo perduto, dedicati soprattutto ai giovani che vogliono aprire un'attività.

mettersi in proprio

Come mettersi in proprio

Ogni nuova attività può essere realizzata con diverse soluzioni e forme giuridiche. In particolare, è possibile mettersi in proprio come:

  • lavoratore autonomo: se viene svolta un'attività manuale o intellettuale con lavoro prevalentemente proprio (es. consulente o professionista)
  • imprenditore individuale: se viene svolta un'attività personale di produzione o vendita di beni o servizi (es. commerciante o artigiano)
  • società: per avviare qualsiasi impresa coinvolgendo più soci (es. SRL o SPA)

Lavoratore autonomo o professionista

Il lavoratore autonomo svolge un'attività intellettuale o manuale con lavoro prevalentemente proprio. In particolare, l'autonomo si occupa della realizzazione di un'opera o di un servizio per un cliente. Ad esempio, lo sviluppatore di software che lavora come freelance e il libero professionista, come l'architetto, il medico e l'avvocato, sono lavoratori autonomi.

Imprenditore individuale

L'imprenditore o ditta individuale svolge un'attività organizzata per la produzione o la vendita di beni e servizi. Si tratta di un soggetto che svolge un'attività d'impresa in modo continuativo e abituale. Questo tipo di impresa è "personale" e l'unico titolare è l'imprenditore individuale che non può avere dei soci. Ad esempio, il negoziante che svolge un'attività commerciale e il pasticcere che vende i propri dolci sono imprenditori individuali.

Società

La società è un'organizzazione di più persone che svolgono un'attività d'impresa in comune. Queste persone, chiamate "soci", mettono a disposizione della società beni o servizi. A fronte di queste partecipazioni, i soci si dividono gli utili alla fine dell'anno. Ad esempio, si può costituire una SRL per fornire servizi finanziari e avere dei soci con un capitale sociale di 1 euro.

I primi passi per avviare l'impresa

Il passo più importante per mettersi in proprio è trovare l'idea giusta. Può essere un'idea imprenditoriale, come aprire un negozio online o un'altra attività commerciale, o un'idea di lavoro autonomo, come la consulenza nell'ambito del digital marketing. Ciò che conta è iniziare a studiare e pianificare come mettere in pratica il proprio progetto.

Un altro punto fondamentale è rappresentato dalle ricerche di mercato. Si tratta di un'analisi necessaria per capire le esigenze dei clienti e i business più richiesti del momento. Inoltre, è consigliato trascrivere questa fase di studio in un business plan. Vale a dire un documento che contiene le strategie economiche e di marketing del progetto e gli obiettivi da raggiungere. Il business plan è importante per pianificare i primi anni della nuova attività e per identificare eventuali ostacoli così da evitarli in anticipo.

Lavorare in proprio con LexDo.it

Con LexDo.it puoi avviare il tuo progetto e metterti in proprio in modo semplice e veloce. Puoi provare il nostro quiz gratuito per conoscere quale sia il modo migliore per aprire la tua attività. Una volta individuata la soluzione adatta per il tuo caso, ci occuperemo di tutti gli adempimenti necessari.

Il servizio include 1 anno di supporto legale 100% online per creare contratti su misura e richiedere consulenze con professionisti per qualsiasi esigenza durante la vita della tua attività (es. contratti di locazione oppure con fornitori e clienti, registrazione del marchio, assunzione di personale, etc.).

Hai ancora domande? Richiedi una consulenza per parlare con un avvocato o contatta il supporto in chat.
Scopri come aprire la tua nuova attività
Con il nostro servizio online apri una nuova attività in modo semplice e veloce. Prova il nostro quiz gratuito per scoprire come aprire e per ricevere la nostra guida completa passo per passo.
INIZIA QUIZ GRATISINIZIA QUIZ GRATIS
Supporto legale 100% online
Guida semplice e veloce
Scopri come aprire la tua nuova attività
Scopri come aprire la tua nuova attività
Supporto legale 100% online
Guida semplice e veloce
INIZIA QUIZ GRATISINIZIA QUIZ GRATIS
INIZIA QUIZ GRATISINIZIA QUIZ GRATIS