Informazioni su questo Documento Legale

4-4-2016
Ultimo Aggiornamento
4 Minuti
Creazione semplice e veloce
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi
Cos’è il contratto di procacciamento d’affari – Introduzione

Il contratto di procacciamento d'affari regola il rapporto tra un’azienda, detta mandante, e un soggetto, detto procacciatore, incaricato di promuovere i prodotti dell’azienda in maniera saltuaria e occasionale.

Il procacciatore può, ma non deve, promuovere la conclusione di affari: svolge questa attività se e quando vuole, senza essere obbligato a farlo. In questo sta la differenza fondamentale rispetto al mandato di agenzia, dove invece l’agente si impegna a cercare affari da concludere. Normalmente, infatti, l’attività principale del procacciatore d’affari è un’altra, ed egli si dedica al procacciamento d’affari solo occasionalmente.

Il procacciatore percepisce una provvigione percentuale, oppure un corrispettivo fisso, se il cliente che riferisce al mandante acquista un prodotto o un servizio del mandante e corrisponde interamente il prezzo pattuito (il cosiddetto buon fine dell’affare).

Quando si usa il procacciamento d’affari

Il contratto di procacciamento d’affari viene usato in tutti i casi in cui un'impresa vuole stringere un accordo con un partner capace di promuovere i suoi prodotti se e quando se ne presenterà l’occasione (quindi, senza alcun obbligo di farlo).

Non esistono limiti di durata ne di volume di vendita purchè siano rispettate le condizioni di "occasionalità" che lo contraddistinguono dal contratto di agenzia.

Il procacciamento d’affari può avere come oggetto qualunque contratto (ad esempio, il procacciatore può promuovere la compravendita di prodotti, la stipulazione di appalti di servizi, ecc.), tranne quello di lavoro.
Trattandosi di un contratto molto versatile e “senza impegno”, può essere usato con successo in moltissimi settori diversi.

Un caso comune di uso di questo accordo è quello in cui un sito internet inserisca un link ad un altro e percepisca una provvigione per eventuali vendite generate dai visitatori che hanno seguito il link (il cosiddetto "affiliate marketing" o affiliazione).

Cosa contiene il contratto

Il nostro accordo di procacciamento soddisfa tutti i requisiti legali. Le principali clausole incluse riguardano:

  • L'oggetto: ovvero i prodotti o i servizi che il procacciatore si impegna a promuovere.
  • La zona: è possibile limitare il territorio entro in quale l'agente svolge la sua opera. Ad esempio, una regione, una parte di una regione, o anche l'intero territorio nazionale.
  • La provvigione: è possibile corrispondere al procacciatore una percentuale delle vendite o un importo fisso per ogni affare concluso.
  • I pagamenti: le scadenze nonché le modalità di pagamento per gli affari conclusi grazie all’intervento del procacciatore.

Inoltre, come per tutti i nostri documenti legali, una volta conclusa l'intervista, ti indicheremo gli adempimenti successivi necessari affinchè il tuo accordo sia regolarmente costituito.

Informazioni necessarie

Per completare l’intervista sono necessari tutti i dati del mandante e del procacciatore.

Il documento può essere modificato gratuitamente in ogni sua parte fino a un mese dopo l'acquisto. Non preoccuparti quindi se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento.

Altri documenti utili

Altri nomi

  • Contratto di segnalazione di clienti
  • Finder's fee
CREA IL TUO DOCUMENTOCREA IL TUO DOCUMENTO