Informazioni su questo Documento Legale

22-1-2018
Ultimo Aggiornamento
8 Minuti
Creazione semplice e veloce
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi
Cos’è il Contratto di Affitto di Azienda o di Ramo d'Azienda

Il Contratto di Affitto di Azienda o di Ramo d'Azienda è l’accordo con il quale un imprenditore concede ad un soggetto la disponibilità e il godimento di un complesso di beni organizzati per l’esercizio di un'impresa, in cambio di un canone.

Il codice civile riserva a questo contratto solo una norma (art. 2562 c.c.) che disciplina le obbligazioni dell’affittuario. Per quanto non disciplinato, si applicano le norme sull’affitto di un bene produttivo (artt. 1615 e ss c.c.) e quelle dettate per la cessione di azienda (artt. 2558, 2559, 2560 c.c.).

Il contratto di affitto di azienda deve essere stipulato in forma scritta con atto pubblico (o scrittura privata autenticata) e va iscritto nel Registro delle Imprese, a cura del notaio nei 30 giorni successivi all’operazione.

L'affitto d'azienda può essere uno strumento molto molto vantaggioso:

  1. l'imprenditore diminuisce il proprio rischio economico-finanziario derivante dagli investimenti iniziali sostenuti in cambio di un rendimento costante (canone periodico), con la speranza di mantenere o di aumentare il valore dell'azienda;
  2. il nuovo gestore ha la possibilità di intraprendere una nuova attività senza effettuare alcun investimento iniziale, utilizzando i beni ed il know-how presenti nell'azienda affittata, con l'onere di mantenerne l'efficienza e la redditività, in un'ottica di conservazione degli impianti e dell'organizzazione.

Quando si usa il contratto di affitto di azienda o di ramo d'azienda

Il contratto di affitto di azienda (o di ramo d'azienda) si usa quando il titolare vuole trasferire per un certo periodo di tempo ad un imprenditore la gestione di tutta o parte dell'azienda (ramo), mantenendo però la proprietà, senza che sul nuovo gestore pesino i debiti accumulati dal precedente imprenditore.

Si può affittare qualsiasi azienda o anche solo una porzione di essa (in quel caso si parla di ramo d'azienda), ma solo se le caratteristiche della parte di azienda la contraddistinguono come un complesso unitario di beni caratterizzato da una sua autonomia organizzativa.

L'affitto d'azienda può quindi aiutare a superare una crisi d'impresa e garantire la continuità aziendale o può rappresentare per chi prende in affitto un'azienda il passaggio intermedio prima di acquistarla e verificare l'affare. Risulta anche un ottimo mezzo per consentire il passaggio generazionale e verificare la capacità imprenditoriale di uno o più componenti della famiglia, garantendo un controllo sulla gestione.

Come funziona il contratto di affitto di azienda

Dalla conclusione del contratto di affitto derivano i seguenti effetti:

  • il nuovo gestore (affittuario) subentra automaticamente nei contratti stipulati che non abbiano carattere personale, salvo patto contrario, e nei rapporti di lavoro;
  • l'affittuario risponde solamente dei debiti maturati dopo la stipula del contratto di affitto sino alla sua cessazione;
  • il vecchio gestore (affittante) non trasferisce i crediti e i debiti aziendali della passata gestione, salvo diverse pattuizioni;
  • l'affittante mantiene un diritto di controllo sulla corretta gestione produttiva;
  • l'affittante non può fare concorrenza all'affittuario.

Inoltre, il nuovo gestore ha l'obbligo di conservare l’efficienza dell’organizzazione e degli impianti e mantenerne inalterato il funzionamento. A tal fine, deve:

  • mantenere le normali dotazioni di scorte e di magazzino, se rientrano nel contratto di affitto, al fine di conservare la funzionalità, la produttività e la redditività dell’azienda;
  • provvedere alle necessarie manutenzioni e sostituzioni degli impianti;
  • rispettare la destinazione dell’azienda, senza modificare l’oggetto e l’attività.

Cosa contiene il contratto di affitto d'azienda

Il nostro contratto di affitto d'azienda soddisfa tutti i requisiti legali. Le principali clausole riguardano:

  • Oggetto e inventario iniziale: descrizione dell'azienda o del ramo di azienda e di tutti i beni che la compongono e che saranno affittati (beni immateriali, beni materiali, contratti, dipendenti, etc.);
  • Immobili: la scelta di come gestire gli immobili dove viene esercitata l'attività aziendale;
  • Debiti e crediti: i crediti e i debiti sorti sotto la precedente gestione spettano solo all’affittante, mentre i crediti e i debiti sorti con la nuova gestione sono a carico dell’affittuario;
  • Obblighi di gestione: vengono indicati tutti i vincoli e gli impegni assunti dal nuovo gestore;
  • Garanzie: l'affittuario può rilasciare una fidejussione oppure versare una cauzione a garanzia dell'adempimento degli obblighi;
  • Divieto di concorrenza: per il periodo di durata del contratto, le parti si obbligano a non intraprendere nuove iniziative che possano sviare la clientela. Il nuovo gestore non potrà fare concorrenza anche per un certo periodo di tempo successivo alla scadenza dell'affitto;
  • Durata: è sempre prevista una durata limitata con possibilità di tacito rinnovo;
  • Canone: per stabilire l'importo e le modalità di pagamento delle rate;
  • Diritto di opzione per l'acquisto: la possibilità di permettere all'affittuario di decidere, entro la data stabilita, di acquistare l'azienda o il ramo ad un prezzo prestabilito;
  • Divieto di subaffitto e di cessione: non si può subaffittare o cedere il contratto a terzi, senza il consenso scritto dell’affittante;
  • Riconsegna e inventario finale: sono individuate le regole per la riconsegna dei beni aziendali e di indennizzo se dovessero essere riscontrate differenze tra l'inventario Iniziale e quello finale.

Inoltre dopo l'acquisto ti guideremo passo dopo passo attraverso tutti gli adempimenti successivi necessari affinché il tuo contratto di affitto di azienda sia regolarmente costituito e registrato.

Informazioni necessarie

Per completare il documento sono necessari tutti i dati delle parti e dell'azienda.

Il documento può essere modificato gratuitamente in ogni sua parte fino a 1 mese dopo l'acquisto. Non preoccuparti, quindi, se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento.

Dopo aver creato il documento, sarà necessario allegare al contratto una lista completa di tutti i beni (sia materiali che immateriali) che compongono l'azienda e che vengono affittati.

Altri documenti utili