Questo documento è una variante del documento “CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO CONTINUATIVO

Informazioni su questo Documento Legale

9-6-2017
Ultimo Aggiornamento
9 Minuti
Creazione semplice e veloce
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi
Contratto di Collaborazione Coordinata Continuativa (Co.Co.Co)

Con il contratto di Collaborazione Coordinata Continuativa (Co.Co.Co.) un lavoratore autonomo si impegna a fornire un servizio continuativo nel tempo e con lavoro prevalentemente personale in favore di un committente.

Per eseguire il servizio il collaboratore deve "coordinarsi" con il committente: può infatti accadere che l’attività sia svolta all’interno dei locali del committente o con gli strumenti forniti da quest’ultimo.
Tuttavia il collaboratore non è un dipendente, ma mantiene sempre completa autonomia decisionale nell’organizzazione del suo lavoro.

Diversamente occorre stipulare un contratto di lavoro dipendente: se il collaboratore è soggetto al potere direttivo del committente, il Jobs Act prevede infatti la trasformazione automatica dei Co.co.co. in contratti di lavoro subordinato.

Quando si usa il Co.Co.Co.

Il Co.Co.Co. si usa per affidare ad una persona un servizio che duri nel tempo, da svolgersi individualmente o con l'aiuto di pochi ausiliari, senza bisogno di assumere un dipendente allo scopo (ad es. manutenzione software).
Il contratto si utilizza anche quando il servizio è svolto presso la sede del committente e con i suoi mezzi (ad esempio un servizio di pulizie all’interno di un ufficio).

Questo contratto viene utilizzato dai lavoratori autonomi, ossia coloro che svolgono la loro attività senza un' organizzazione imprenditoriale, ma avvalendosi del proprio lavoro ed eventualmente di alcuni collaboratori (ad. es. le partite iva, persona fisiche, artigiani, professionisti, ditte individuali etc.).
Con il Contratto di collaborazione questi soggetti, pur lavorando a lungo per un committente, mantengono completa autonomia: possono decidere i tempi e le modalità di organizzazione del lavoro e prestare l'attività anche per altri committenti. Anche le modalità di esecuzione, gli orari e il luogo di lavoro non devono essere decisi unicamente dal committente (la cosiddetta etero-organizzazione) o il lavoratore dovrà essere considerato un dipendente dell'azienda.

L’unico limite all’autonomia del lavoratore è la necessità di coordinarsi con le esigenze organizzative del committente, specialmente quando il servizio è svolto presso la sua sede.
In ogni caso il Jobs Act prevede che le modalità di coordinamento siano state stabilite di comune accordo tra le parti. Se invece le modalità di coordinamento del lavoro sono decise unilateralmente dal committente, il collaboratore è da considerarsi dipendente.

In ogni caso, occorre fare attenzione perché la linea di confine tra un Co.co.co. e il lavoro subordinato è molto sottile (infatti il Co.co.co. viene anche chiamato lavoro "parasubordinato").

Cosa contiene il Contratto di Collaborazione

Il nostro contratto di collaborazione soddisfa tutti i requisiti legali. Le principali clausole riguardano:

  • L'oggetto: la descrizione del servizio continuativo, che può includere eventuali allegati, disegni, specifiche tecniche aggiuntive.
  • Gli standard di prestazione del servizio: per garantire livelli minimi nella fornitura del servizio.
  • L’ autonomia del collaboratore: rispetto al committente, anche quando svolge il servizio presso i suoi locali.
  • Le modalità di coordinamento: per l’esecuzione del servizio stabilite di comune accordo tra le parti.
  • Il corrispettivo: che il committente verserà periodicamente al collaboratore per le prestazioni svolte.
  • La durata del rapporto: a tempo determinato o indeterminato, con possibilità di rinnovo automatico.
  • I rimborsi spese: per particolari costi sostenuti dal collaboratore. .
  • L'esclusiva: per vincolare il collaboratore a non entrare in affari con i concorrenti del committente.
  • La riservatezza: per impedire alle parti di divulgare informazioni riservate.
  • La proprietà intellettuale: per gestire i diritti di proprietà intellettuale inerenti al servizio.
  • Il subappalto: per scegliere se autorizzare o meno l’eventuale affidamento del servizio a terzi.
  • La sicurezza sul lavoro: per garantire, quando necessario, il rispetto delle relative prescrizioni di legge.

Inoltre dopo l'acquisto ti guideremo passo per passo attraverso tutti gli adempimenti successivi necessari affinché il tuo documento sia valido ed efficace.

Informazioni necessarie

Per completare il documento sono necessari tutti i dati delle parti.

Il contratto può essere modificato gratuitamente in ogni sua parte fino a 1 mese dopo l'acquisto. Non preoccuparti quindi se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento.

Altri nomi

Altri documenti utili

CREA IL TUO DOCUMENTOCREA IL TUO DOCUMENTO