Aprire una Pizzeria: Cosa serve e Quanto Costa

Aprire una Pizzeria: Cosa serve e Quanto Costa

Aprire una pizzeria significa iniziare a vendere uno dei prodotti più amati in assoluto. La pizza, infatti, è conosciuta in tutto il mondo come il prodotto da forno per eccellenza. Per avviare quest'attività bisogna rispettare alcuni requisiti. Vediamo cosa serve e i costi necessari.

Come aprire una pizzeria

Per iniziare a vendere la pizza bisogna compiere alcuni passaggi iniziali. Vediamoli in dettaglio.

  1. Fare un business plan: per prevedere le spese e pianificare la strategia di vendita
  2. Avere requisiti e permessi: il locale pizzeria deve essere adatto e avere tutte le autorizzazioni di legge
  3. Registrare la pizzeria: puoi iniziare come ditta individuale (partita IVA personale) oppure come società
  4. Gestire l'attività: dopo l'apertura è importante prendere gli accordi necessari (es. con i fornitori degli ingredienti della pizza)

aprire una pizzeria

1. Fare un business plan

Per entrare nel business della pizza è fondamentale pianificare in dettaglio le strategie di vendita. Con il business plan, il titolare crea un documento di riepilogo che include le spese previste e gli obiettivi commerciali da raggiungere. Ad esempio, il business plan è utile per prevedere i costi del marketing e per fare una comunicazione originale rispetto a quella delle pizzerie concorrenti.

Un altro passaggio da fare è un'analisi di mercato del settore. Questo è necessario per decidere il modo migliore per gestire l'attività. Le scelte principali riguardano:

  1. la zona e la città del locale: per individuare il luogo più adatto della sede dove produrre e vendere la pizza
  2. la modalità di vendita: per valutare i canali commerciali più adatti. Ad esempio, si può partire da una pizzeria di solo asporto (take-away) e consegna a domicilio (delivery) oppure partire da subito con un locale che dispone di posti a sedere e tavoli
  3. target di vendita: per scegliere la clientela e i prodotti di riferimento. Si può creare un menù tradizionale di pizza napoletana oppure più uno più ampio con pizza al taglio e focacce. Inoltre, è possibile concentrarsi sugli ingredienti e offrire farine di impasto diverso (es. farina di grano saraceno, integrale e di kamut)

Un aspetto ulteriore da non tralasciare riguarda la formula commerciale. Per una pizzeria, ci sono molte possibilità. Vediamo alcune formule tipiche.

Aprire una pizzeria al taglio

Per differenziarsi dalla massa dei locali si può sfruttare la tradizione romana con la pizza al taglio. In questi casi, il titolare deve affidarsi ad un pizzaiolo esperto e scegliere con attenzione gli ingredienti e le materie prime da utilizzare. Questo particolare tipo di pizza, infatti, se fatto a regola d'arte attira molti clienti.

Il vantaggio della pizza al taglio è anche economico. Si può scegliere una modalità di vendita tradizionale (al pezzo o al kilo) oppure di vendere al metro. Inoltre, i margini di guadagno possono essere alti se vengono offerti tranci di pizza gourmet con ingredienti selezionati come formaggi DOP e salumi IGP.

Aprire una pizzeria da asporto

Si può iniziare una piccola attività che prepara pizze take-away, senza consumazione sul posto. Questa soluzione consente di partire con dimensioni e costi ridotti, risparmiando sul personale e sul locale necessario. Le spese iniziali per il locale, infatti, saranno minime e la pizzeria non avrà bisogno di posti a sedere.

Aprire una pizzeria in franchising

Si tratta di una soluzione alternativa per sfruttare un business già avviato. Con questa formula commerciale, infatti, il titolare firma un contratto di franchising ed entra a far parte di un network esistente. Ad esempio, il titolare può sfruttare il nome di una catena di pizzerie famosa. A fronte di questo vantaggio, si dovranno rispettare alcuni limiti, come usare gli arredi e le materie prime selezionate dalla catena che ha creato il network.

2. Avere requisiti e permessi

I requisiti per aprire una pizzeria riguardano l'attività, il titolare e il locale. Per essere idonei alla gestione del locale bisogna rispettare un iter specifico. Vediamo i principali requisiti e permessi.

  • requisiti personali del titolare: avere 18 anni, non avere avuto problemi con la giustizia, avere l'esperienza e la conoscenza necessaria per gestire un'attività di ristorazione come quelli previsti per apertura di un bar (es. attestato HACCP)
  • locale in regola: deve essere agibile, avere una destinazione d'uso commerciale, rispettare le norme igienico-sanitarie, le norme anti incendio e avere i servizi igienici
  • presenza di concessioni eventuali: ad esempio, per inserire dei tavolini all'aperto sul suolo pubblico servono i permessi comunali. Per riprodurre musica nel locale, invece, occorre pagare i diritti SIAE
  • requisiti aggiuntivi per prodotti specifici: ad esempio, per vendere alcolici è necessario denunciare l'attività all'ufficio dell'Agenzia delle Dogane
  • autorizzazione del comune: si richiede presentando una comunicazione per l'inizio attività (SCIA)

3. Registrare la pizzeria

La pizzeria è un'attività commerciale. Infatti, si tratta di un'attività di vendita al pubblico di prodotti alimentari, come i ristoranti e i bar. Quest'attività deve essere registrata per legge con l'iscrizione in camera di commercio. È possibile registrare due tipologie di pizzeria:

  • ditta individuale: per persone fisiche con partita IVA che svolgono l'attività come titolari unici e senza soci
  • società (es. SRLSRLS): per realtà più strutturate che hanno più soci

4. Gestire l'attività

Per gestire una pizzeria è fondamentale prendere accordi con fornitori e collaboratori. Vediamo i principali contratti da firmare per fissare per iscritto le condizioni concordate.

  1. lavoro per dipendenti: per assumere personale a tempo determinato o indeterminato, come pizzaioli, camerieri e cassieri
  2. lavoro a chiamata: per avere personale ulteriore nei periodi di lavoro intenso, come per le feste
  3. fornitura periodica: per richiedere forniture settimanali e mensili di materie prime e ingredienti per la pizza e gli antipasti
  4. compravendita di beni: per acquistare le attrezzature per il locale, come il forno, le posate e le tovaglie per i tavoli
  5. affitto di azienda o di ramo d'azienda: per prendere in gestione una pizzeria già avviata
  6. locazione commerciale: per usare un locale altrui e pagare un canone mensile
  7. contratto di pubblicità: per sfruttare spazi promozionali, fisici e su internet, dove comunicare ai clienti offerte speciali ed eventi dedicati

Quanto costa aprire una pizzeria

I costi per avviare una pizzeria sono variabili. Le risorse necessarie, infatti, cambiano in base alle scelte del titolare e alle caratteristiche dell'attività. I costi dipendono principalmente da:

  • caratteristiche del locale: se nuovo richiede costi più bassi rispetto ad uno spazio da ristrutturare ed adattare. Inoltre, se il locale pizzeria non è tuo, dovrai pagare un canone mensile per l'affitto oppure acquistare l'immobile
  • attrezzature: ad esempio, servirà acquistare il forno per cuocere la pizza e il bancone dove stendere l'impasto (un forno a legna richiede una cura particolare)
  • dimensioni della pizzeria: uno spazio ampio con posti a sedere richiede maggiore personale (es. più camerieri e pizzaioli)
  • tipologia di attività: se il titolare registra la pizzeria come ditta individuale avrà costi più bassi di apertura. Al contrario, per una società i costi di apertura e gestione sono in genere più alti

Aprire una pizzeria con LexDo.it

Con il nostro servizio puoi aprire un forno per pizzeria in modo semplice e veloce. Puoi scegliere la costituzione SRL al costo di €99+IVA che permette di aprire la propria società in 72 ore con 1 anno di supporto legale 100% online. Penseremo a tutto noi, un esperto ti seguirà passo dopo passo con tutti i documenti necessari e con l’appuntamento dal notaio. Al momento della costituzione dovrai versare le imposte iniziali pari a circa €600 e il costo del notaio che con noi è solo €900+IVA (prezzo scontato -40%).

Se invece vuoi partire da solo e con meno costi, puoi scegliere di aprire la tua partita IVA in 24 ore con 1 anno di supporto legale 100% online e servizio contabilità al prezzo di €349 + IVA. Il servizio include l'assistenza di un professionista esperto per la gestione della contabilità.

Dopo l'apertura del locale, potrai richiedere consulenze per qualsiasi esigenza della nuova attività e creare contratti su misura (es. contratti per fornitori e clienti, accordi commerciali, registrazione del marchio, contratti con i dipendenti, etc.).

Scopri come aprire la tua nuova attività

Con il nostro servizio online apri una nuova attività in modo semplice e veloce. Prova il nostro quiz gratuito per scoprire come aprire e per ricevere la nostra guida completa passo per passo.

Inizia quiz gratisInizia quiz gratis
Supporto legale 100% online
Guida semplice e veloce

Hai ancora domande? Richiedi una consulenza per parlare con un avvocato o contatta il supporto in chat.

Scopri come aprire la tua nuova attività
Scopri come aprire la tua nuova attività
Supporto legale 100% online
Guida semplice e veloce
Inizia quiz gratisInizia quiz gratis
Inizia quiz gratisInizia quiz gratis