Domande frequenti
Apertura nuove attività
Aziende e Trattative
Web, Marchi e Idee
Immobili e Locazioni
Lavoro
Vendita e Promozione
Partita IVA Regime Forfettario: Caratteristiche e Tasse

Partita IVA Regime Forfettario: Caratteristiche e Tasse

Vuoi aprire una partita IVA in regime forfettario? Scopri come funziona questo regime fiscale e come calcolare le tasse da pagare.

Cos'è la partita IVA in regime forfettario?

Quando si parla di regime forfettario ci si riferisce ad un regime fiscale agevolato che prevede un'aliquota di tassazione molto bassa. Questo regime può essere utilizzato da chi non supera il limite di € 65.000 di reddito annuo lordo e da chi soddisfa tutti i requisiti previsti dalla legge.

La partita IVA in regime forfettario consente di godere di una serie di vantaggi e semplificazioni. In particolare, non non è prevista l'applicazione dell'IVA e della ritenuta d'acconto sulle prestazioni. Non si ha poi l'obbligo di fatturazione elettronica e si viene anche esclusi dagli studi di settore. Per questi motivi questo regime è il più scelto dai giovani con partita IVA. Il forfettario, tuttavia, non si applica agli imprenditori agricoli che possono aderire ai regimi dedicati alla partita IVA agricola.

Tasse e contributi della partita IVA in regime forfettario

Aliquota unica del 15% o 5%

Il regime forfettario prevede l'applicazione di un'aliquota unica del 15% sul reddito annuo lordo. Per chi apre una nuova attività, l'aliquota è ridotta al 5% (cosiddetta "aliquota startup") per i primi cinque anni in presenza dei seguenti requisiti:

  • nei 3 anni precedenti non bisogna aver svolto alcuna attività anche in forma associata o familiare
  • la nuova attività non deve consistere nella continuazione di un'altra attività svolta in precedenza sotto forma di lavoro autonomo o dipendente
  • se viene continuata un’attività svolta in precedenza da un altro soggetto (es. web designer che rileva da un terzo un'attività di web design già esistente), tale attività non deve aver superato il limite di € 65.000 di reddito nell'anno precedente

Al di fuori del regime forfettario, invece, vengono applicate le normali aliquote IRPEF che sono più alte (partono dal 23%) e crescono all'aumentare del reddito prodotto. Questo avviene nel caso di una partita IVA in regime ordinario.

Partita IVA Regime Forfettario

Costi e reddito tassato della partita IVA forfettaria

Nel regime forfettario il reddito soggetto a tassazione è limitato ad una percentuale del fatturato, detta coefficiente di redditività. Questo perché vengono presunti dei costi forfettari che ogni titolare sostiene durante l'anno e che vengono sottratti dal totale dei compensi incassati. La percentuale varia in base alla tipologia di attività svolta così come indicato dalle tabelle riportate dall'agenzia delle entrate. Ad esempio, il reddito tassabile di un commerciante è pari al 40% del fatturato annuo, quello di un avvocato al 78%. Nel regime ordinario, invece, non c'è una percentuale predeterminata di reddito tassabile. Ciò perché, in genere, è possibile dedurre tutti i costi effettivamente sostenuti per l'attività.

Come calcolare le tasse: esempi

Vediamo un esempio di calcolo delle tasse per una partita IVA in regime forfettario presumendo un reddito lordo di € 20.000 di un professionista freelance. Bisogna moltiplicare il reddito per il coefficiente di redditività specifico, in questo caso € 20.000 * 78% = € 15.600 (reddito imponibile). Infine moltiplicare il risultato per l'aliquota unica:

  • € 15.600 * 5% (per chi si trova nei primi 5 anni di attività) = € 780 imposta finale
  • € 15.600 * 15% (per chi è soggetto ad aliquota normale) = € 2.340 imposta finale

Ipotizziamo adesso che si siano sostenuti dei costi d'impresa per € 8.000. In regime forfettario non potremmo dedurli tutti, ma scegliendo il regime ordinario sì. In questo caso il reddito imponibile sarebbe di € 12.000 (€ 20.000 - € 8.000). Tuttavia, l'aliquota minima del regime ordinario è del 23%. L'imposta dovuta sarebbe quindi di € 2.760 (€ 12.000 * 23%).

La contribuzione

Per quanto riguarda i contributi da versare fa poca differenza scegliere o meno il regime forfettario per partita IVA. I lavoratori senza cassa devono versare i contributi all'INPS iscrivendosi alla Gestione Separata. I professionisti iscritti alle casse (es. architetti, avvocati, etc.), invece, versano gli importi previsti dalla propria cassa di riferimento. Un'agevolazione è prevista soltanto per i commercianti e gli artigiani che aderiscono al regime forfettario. Essi usufruiscono di una riduzione del 35% dei contributi INPS da versare alle specifiche Gestioni di riferimento.

Come aprire una partita IVA in regime forfettario

Per aprire una partita IVA in regime forfettario ci si può recare all'Agenzia delle Entrate e compilare gli appositi moduli. In questo caso è piuttosto facile commettere errori visto che la compilazione può risultare complessa. In alternativa, è possibile rivolgersi ad un commercialista.

Per non commettere errori e avviare la tua attività in tempi brevi, puoi aprire la partita IVA online su LexDo.it ad un costo di € 99 + IVA. Riceverai la consulenza di un commercialista esperto entro 48 ore dalla tua richiesta e lui si occuperà per te di ogni formalità e ti consiglierà sulla scelta del regime fiscale più adatto al tuo caso. Inoltre avrai un supporto legale completo per un anno per creare contratti su misura e richiedere consulenze con avvocati su qualsiasi tema legale.

Hai ancora domande? Richiedi una consulenza per parlare con un avvocato o contatta il supporto in chat.
Apertura Partita IVA
Apri la tua partita IVA con il nostro servizio online. Include la consulenza di un commercialista esperto e il nostro supporto legale completo per 1 anno
APRI LA TUA PARTITA IVAAPRI LA TUA PARTITA IVA
Supporto legale completo
Procedura semplice e veloce
Apertura Partita IVA
Supporto legale completo
Procedura semplice e veloce
APRI LA TUA PARTITA IVAAPRI LA TUA PARTITA IVA
APRI LA TUA PARTITA IVAAPRI LA TUA PARTITA IVA