Aprire un Circolo o un Club: Come Fare e Costi
Aprire un Circolo o un Club: Come Fare e Costi

Aprire un Circolo o un Club: Come Fare e Costi

Una breve guida su come aprire un circolo. Vi spieghiamo che cos'è, quali sono gli adempimenti, quali sono i costi di costituzione e di gestione.

Che cos'è un circolo privato o un club

Il circolo privato o un club è un ente non commerciale formato da persone che hanno interessi comuni (ricreativi, culturali, religiosi, sportivi, etc.) e che si riuniscono per trascorrere insieme parte del proprio tempo libero o per fare attività di utilità sociale a favore dei propri associati.

Giuridicamente il circolo altro non è che un’associazione. Pertanto per aprire un circolo privato o un club si applicano le stesse regole per costituire un'associazione e, a seconda del tipo di circolo che si vuole aprire, sono necessari da 3 a 7 associati fondatori.

Come per tutte le associazioni, anche il circolo deve essere senza scopo di lucro, vale a dire che non deve perseguire uno scopo economico e gli utili non possono essere distribuiti.
Può svolgere attività commerciale (ad esempio, vendere biglietti per un concerto aperto al pubblico). Ma tale attività deve essere secondaria rispetto a quella istituzionale e strumentale a finanziare gli scopi del circolo. Inoltre, se l'attività commerciale viene svolta in modo continuativo sarà necessario aprire una p.iva.

Il circolo si avvale prevalentemente delle attività prestate dai volontari in forma libera e gratuita. Può avere anche dipendenti e/o collaboratori ma nei limiti previsti dal tipo di circolo che viene costituito.

Dal punto di vista fiscale, i circoli, come le associazioni, godono di regimi agevolati che prevedono, ad esempio, l'accesso al 5 per mille, la non tassabilità delle entrate istituzionali (quote associative, etc.) e l'esenzione dall'obbligo di fatturazione se le entrate commerciali sono inferiori a €400.000. Questo regime verrà sostituito da un nuovo sistema di agevolazioni non appena entrerà pienamente in vigore la riforma degli enti del terzo settore (ETS) che ha riorganizzato gli enti che perseguono scopi di utilità sociale.

aprire un circolo club

Tipologie di circolo

Esistono diverse tipologie di circolo e, a seconda delle loro finalità, si possono adottare i diversi tipi di associazioni esistenti. Ma vediamo nel dettaglio i circoli più comuni.

Circolo Ricreativo o Circolo Culturale

È un circolo ricreativo o culturale quando ha lo scopo di svolgere e/o promuovere attività culturali, artistiche, enogastronomiche, musicali, etc. Ad esempio, un circolo di lettura, un circolo di degustazione dei vini. Può essere costituito adottando la forma dell'Associazione Culturale. Questa è la tipologia più generica di associazione ed è molto utilizzata.

Circolo Sportivo

Si definisce un circolo sportivo quando promuove attività sportive dilettantistiche. Viene adottata la forma dell'Associazione Sportiva Dilettantistiche (ASD) quando lo sport promosso è riconosciuto dal CONI, ad esempio, circolo di calcio, circolo di tennis, circolo di golf, etc.

Circolo di Promozione Sociale

Se il circolo svolge attività di utilità sociale con l'obiettivo di innalzare il benessere e la qualità della vita dei propri associati o dei loro familiari (ad esempio, circolo che promuove iniziative per la riqualificazione di un quartiere della città di Napoli) può essere un'Associazione di Promozione Sociale (APS). Questo tipo di associazione gode di numerosi vantaggi dal punto di vista fiscale ma ha dei requisiti più stringenti rispetto alle altre associazioni.

Circolo Bar

È possibile aprire un bar o un ristoro all'interno della sede del circolo ma, per non rientrare nell'attività di impresa, non deve essere svolta come unica attività ma deve essere strumentale alle finalità del circolo. Ad esempio, un circolo di tennis può avere un bar o un circolo che promuove la musica jazz può somministrare alimenti e bevande ma non può essere aperto un circolo che è solo un bar.

Per aprire un bar, il circolo deve presentare al Comune la domanda di autorizzazione, previo parere di idoneità sanitaria dell'ASL e deve soddisfare alcune condizioni. I locali devono essere conformi alle prescrizioni igienico-sanitarie ed edilizie e non devono avere accesso diretto da strade o altri luoghi pubblici.
Inoltre, l'attività di somministrazione di alimenti e bevande deve essere gestita da chi ha i requisiti professionali previsti (corso professionale per la preparazione o la somministrazione degli alimenti, licenza fiscale per alcolici, etc.).
Questo tipo di attività è considerata attività commerciale anche se rivolta esclusivamente ai propri associati. Pertanto, serve l'apertura di una partita IVA, con obbligo di emettere lo scontrino, e gli incassi vengono tassati.

Se il circolo è un'Associazione di Promozione Sociale (APS) nazionale o è affiliato ad una APS nazionale (ad esempio, un circolo Arci), per aprire un bar è sufficiente inoltrare al proprio Comune una semplice Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) se i locali rispettano le condizioni sopra indicate e si hanno i requisiti professionali richiesti. In questo caso, il servizio di somministrazione di alimenti e bevande è considerato attività non commerciale. Pertanto, i proventi non sono tassati e non c'è l'obbligo di rilasciare lo scontrino o la ricevuta fiscale.

Come aprire un circolo privato o un club

Per aprire un circolo è sufficiente che gli associati firmino lo statuto e l'atto costitutivo dell'associazione che stabilisce lo scopo del circolo e fissa le regole di amministrazione e gestione. Una volta che i soci fondatori del circolo hanno sottoscritto gli atti costituitivi è sufficiente:

  • richiedere all'Agenzia delle Entrate il codice fiscale (necessario per stipulare contratti, avere un conto corrente, etc.) o la p. IVA per associazione (obbligatoria se svolge attività commerciale abituale)
  • registrare entro 20 giorni dalla costituzione lo statuto e l'atto costitutivo all'Agenzia delle Entrate per dare data certa e accedere alle agevolazioni fiscali di settore
  • trasmettere il Modello EAS all'Agenzia delle Entrate per aderire al regime fiscale agevolato entro 60 giorni dalla costituzione.

Quanto costa creare un circolo

Così come per le associazioni, anche i costi per costituire un circolo possono essere contenuti poiché non è necessaria la presenza di un notaio. È sufficiente che gli associati del circolo redigano lo statuto e l'atto costitutivo e li sottoscrivano.

Per la registrazione dell'atto costitutivo e dello statuto, i costi variano a seconda del tipo di circolo che si vuole costituire. Un circolo culturale o generico deve pagare €200 per l'imposta di registro oltre alle marche da bollo di €16.

Un'Associazione di Promozione Sociale o un'Associazione Sportiva Dilettantistica invece paga solo €200 per l'imposta di registro ma nulla per le marche da bollo.

Ci sono poi spese di gestione connesse al tipo di attività e di organizzazione. Ad esempio costi per:

  • l'affitto della sede e delle utenze
  • le attrezzature necessarie allo scopo del circolo
  • i dipendenti/collaboratori e professionisti (commercialista, etc.).

Il servizio di costituzione online di LexDo.it

LexDo.it offre un servizio per costituire un'associazione online con una procedura semplice e il supporto di professionisti esperti. Un professionista esperto ti consiglierà quale tipologia adottare, ti seguirà per creare e personalizzare l'atto costitutivo e lo statuto direttamente online e ti indicherà tutti gli adempimenti necessari passo per passo. Inoltre, è incluso 1 anno di supporto legale completo per creare contratti su misura e richiedere consulenze con avvocati per qualsiasi esigenza.

Hai ancora domande? Richiedi una consulenza per parlare con un avvocato o contatta il supporto in chat.
La tua Associazione
Con il nostro servizio online apri un'associazione in modo semplice e veloce. Include il supporto legale di avvocati esperti per 1 anno per qualsiasi necessità
INIZIA ORA GRATISINIZIA ORA GRATIS
Supporto legale 100% online
Guida semplice e veloce
Apri la tua associazione in 24 ore
Apri la tua associazione in 24 ore
Supporto legale 100% online
Crea lo statuto in 9 minuti
INIZIA ORA GRATISINIZIA ORA GRATIS
INIZIA ORA GRATISINIZIA ORA GRATIS