Associazione Riconosciuta e Non: Quale Conviene
Associazione Riconosciuta e Non: Quale Conviene

Associazione Riconosciuta e Non: Quale Conviene

Scopri cos'è un'associazione riconosciuta e non riconosciuta. Vediamo cos'è il riconoscimento, quando conviene e qual è il patrimonio minimo richiesto per riconoscere l'ente.

L'associazione riconosciuta

L'associazione riconosciuta è quell'ente no profit che ha ottenuto il riconoscimento della propria personalità giuridica. La personalità giuridica è la capacità dell'ente di essere un soggetto autonomo di diritto, distinto dai propri amministratori e dagli associati. Per procedere al riconoscimento di questa autonomia è indispensabile che i documenti costitutivi dell'ente vengano redatti per atto pubblico davanti a un notaio.

Il riconoscimento della personalità giuridica determina la completa separazione del patrimonio dell'associazione da quello dei propri amministratori (autonomia patrimoniale perfetta). In questo modo gli amministratori non saranno più chiamati a rispondere degli eventuali debiti dell'ente con il proprio patrimonio personale, cosa che invece può accadere nel caso di un'associazione non riconosciuta.

Il riconoscimento non è obbligatorio. Prevede dei costi aggiuntivi, in quanto la costituzione deve avvenire dal notaio e si applica un requisito di un patrimonio minimo. Per questi motivi la maggior parte delle no profit sceglie di essere non riconosciuta.

L'associazione non riconosciuta

L'associazione non riconosciuta non ha una sua personalità giuridica e quindi il suo patrimonio non è separato da quello dei suoi amministratori. In caso di debiti gli amministratori saranno quindi responsabili con il proprio patrimonio personale. Non prevede però alcun requisito di capitale minimo e ha meno costi e per questo motivo è la scelta più comune per un ente senza scopo di lucro.

Anche se l'ente non è riconosciuto può comunque ottenere le agevolazioni fiscali previste per le no profit. Il riconoscimento infatti non deve essere confuso con la registrazione dell'associazione che è invece la procedura necessaria per rendere conoscibile l'ente ai terzi, ottenere la data certa di costituzione e accedere alle agevolazioni fiscali. Anche la registrazione non è obbligatoria, tuttavia, per i motivi appena visti, viene effettuata nella grande maggioranza dei casi.

Il patrimonio minimo per il riconoscimento

Non tutte le associazioni possono procedere al riconoscimento poiché è necessario un patrimonio minimo di circa €15.000 per riconoscere l'ente. Tuttavia, ogni regione può richiedere la presenza di un patrimonio superiore a tale cifra, a seconda della tipologia di no profit.

Il patrimonio di un ente no profit è composto da tutti i beni intestati all'organizzazione, immobili compresi e dalle somme di denaro possedute. Queste possono derivare dalle quote associative, da contributi volontari, dall'eventuale attività economica svolta in via ausiliaria agli scopi principali, etc.

associazione riconosciuta non riconosciuta

Quando conviene riconoscere l'ente

Considerato il vincolo di un patrimonio minimo, il riconoscimento di un'associazione non è un adempimento frequente. Tuttavia, risulta conveniente e anche indispensabile per:

  • escludere l'aggressione del patrimonio personale degli amministratori in caso di debiti dell'ente. Ciò è possibile solo con l'acquisizione dell'autonomia patrimoniale perfetta attraverso il riconoscimento
  • accedere ai finanziamenti pubblici dedicati alle no profit. Infatti, l'erogazione di questi importi è spesso prevista soltanto a favore di enti riconosciuti
  • ricevere immobili in donazione o legati (singoli beni lasciati all'ente tramite testamento), mentre le associazioni non riconosciute non sono autorizzate a farlo.

Ad oggi, è possibile affermare che il riconoscimento è più comune tra le organizzazioni più strutturate, diffuse a livello nazionale e con patrimoni importanti (es. ONLUS come Medici Senza Frontiere o Save the Children Italia). La grande maggioranza del settore no profit rimane comunque rappresentata da organizzazioni non riconosciute.

Costituire un'associazione riconosciuta e non

Per creare un'ente no profit occorre anzitutto redigere atto costitutivo e statuto per associazione. Questi sono i documenti costitutivi che contengono i dati dei fondatori e degli amministratori e specificano lo scopo che l'ente intende perseguire con la propria attività.

Se si vuole costituire una no profit riconosciuta, tali documenti devono essere redatti tramite atto pubblico presso un notaio. Il professionista verificherà la liceità dell'attività svolta e la presenza di un patrimonio congruo alle finalità che si intendono perseguire, in ogni caso mai inferiore a €15.000. Successivamente, per completare il riconoscimento, occorre presentare apposita domanda alla regione (se l'ente opera in territorio regionale) o alla prefettura (quando l'ente svolge attività in tutta la nazione) per essere iscritti nel registro delle persone giuridiche.

Per aprire un'associazione non riconosciuta, invece, è sufficiente che gli associati fondatori appongano la propria firma su statuto e atto costitutivo. Ciò basta per dare vita all'ente, senza necessità di procedere per atto pubblico. Un ente non riconosciuto ha comunque la facoltà di ottenere il riconoscimento in seguito. Basterà recarsi da un notaio e svolgere la stessa procedura sopra descritta.

Apri il tuo ente no profit con LexDo.it

LexDo.it offre un servizio per costituire un'associazione online che ti permette di fondare la tua associazione in modo semplice e in tempi brevi con il supporto di professionisti esperti. Un legale ti seguirà nella creazione dei documenti costitutivi che potrai redigere interamente sul nostro sito e ti indicherà tutti gli adempimenti necessari. Se desideri procedere al riconoscimento possiamo indicarti un notaio per la stipula dell'atto pubblico. In più è incluso il nostro supporto legale completo per un anno con la possibilità di creare online contratti e documenti utili per l'attività della tua no profit e parlare con un avvocato quando vuoi.

Hai ancora domande? Richiedi una consulenza per parlare con un avvocato o contatta il supporto in chat.
La tua Associazione
Con il nostro servizio online apri un'associazione in modo semplice e veloce. Include il supporto legale di avvocati esperti per 1 anno per qualsiasi necessità
INIZIA ORA GRATISINIZIA ORA GRATIS
Supporto legale completo
Guida semplice e veloce
Scopri come aprire la tua associazione
Scopri come aprire la tua associazione
Supporto legale completo
Guida semplice e veloce
INIZIA ORA GRATISINIZIA ORA GRATIS
INIZIA ORA GRATISINIZIA ORA GRATIS