Premi di produzione dipendenti: vantaggi e tassazione

scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te

I premi di produzione sono incentivi che un'impresa offre ai propri dipendenti come bonus aziendali per aumentare la quantità e la qualità del lavoro. In alcuni casi sono previsti dei benefici per la tassazione dei premi di produzione. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Premi di produzione dipendenti: vantaggi e tassazione

Che cosa sono i premi di produzione

premi di produzione (di produttività o di risultato) sono una retribuzione aggiuntiva che un datore di lavoro può corrispondere ai lavoratori dipendenti. Questi premi sono corrisposti per aumenti di produzione, redditività, qualità, efficienza o innovazione. L’importo del premio non è fisso ma dipende dall’incremento realizzato (retribuzione variabile). Ad esempio, il premio di produzione può essere riferito al numero di unità prodotte, alla riduzione dei costi di produzione o all’introduzione di metodi più efficienti o innovativi nella realizzazione dei prodotti o dei servizi dell’azienda.

Gli obiettivi da raggiungere e l’entità del premio di produzione vengono concordati in anticipo. In particolare, la negoziazione sui premi può avvenire a livello:

  • individuale: tra datore di lavoro e singolo dipendente (es. bonus dipendenti)
  • aziendale: tra datore di lavoro e rappresentanze sindacali aziendali (RSA o RSU)
  • territoriale: tra rappresentati dei datori di lavoro (Confindustria, Confcommercio, ecc.) e i sindacati dei dipendenti (CGIL, CISL, UIL, ecc.)

Qual è la tassazione dei premi di produzione

I premi di produzione godono di benefici fiscali se vengono erogati nel rispetto di alcune condizioni previste dalla legge. In particolare, se i premi di produzione sono previsti da contratti collettivi aziendali oppure da contratti territoriali di settore, la tassazione è ridotta al 10% per gli importi fino a Euro 3.000. Tale riduzione si applica solo se il dipendente ha un reddito annuo inferiore a Euro 80.000.

Di conseguenza, per poter accedere ai benefici fiscali è necessario aver firmato un contratto collettivo aziendale con i propri rappresentanti sindacali o aver aderito a un contratto collettivo territoriale di settore (o quello del settore più simile). Si tratta quindi di uno strumento previsto per imprese medio-grandi e poco pratico per le startup e le piccole-medie imprese (PMI o PMI innovative). In particolare, la complessità del processo di adozione dei contratti collettivi e di misurazione degli incrementi di produttività, portano spesso questo tipo di imprese ad adottare altre forme di incentivazione (ad es. il piano di incentivazione dei dipendenti).

Bonus dipendenti e altri incentivi

Un’alternativa ai premi di produzione sono i bonus dipendenti, concordati nei contratti di lavoro individuale. In questo caso, non è richiesto un contratto collettivo aziendale o territoriale. Non sono però previsti sgravi fiscali o contributivi.

I bonus dipendenti possono essere condizionati a incrementi di produttività o essere erogati discrezionalmente dal datore di lavoro. Sono corrisposti direttamente in busta paga come retribuzione e sono soggetti alla normale tassazione e contribuzione.

Inoltre, le imprese di qualsiasi dimensione possono optare per altre tipologie di incentivi. In particolare, è possibile ricorrere:

  • a un Piano di Stock Option: per incentivare e fidelizzare i dipendenti di un’impresa, facendoli partecipare al capitale sociale e agli utili
  • al Work for Equity: per incentivare e fidelizzare i collaboratori (non dipendenti) di un’impresa, facendoli partecipare al capitale sociale e agli utili tramite un regolamento di work for equity
  • a un Piano di Welfare Aziendale: per incentivare il lavoro dei dipendenti attraverso misure di sostegno sociale, come istruzione, sanità, ecc.

Come creare un contratto di lavoro con bonus

Su LexDo.it potrai creare in pochi minuti un contratto di lavoro e prevedere un bonus dipendenti. Basterà rispondere a poche semplici domande per generare il contratto personalizzato per le tue esigenze:

CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO PER DIPENDENTI: per assumere un lavoratore dipendente e prevedere un bonus annuo discrezionale

CONTRATTO DI LAVORO PER DIRIGENTI: per assumere un dirigente o un manager e prevedere un bonus annuo discrezionale

scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te