Piano di incentivazione per dipendenti: come distribuire equity

Piano di incentivazione per dipendenti: come distribuire equity

Sei una società e vuoi ricompensare i tuoi lavoratori con quote o azioni? Con il piano di incentivazione per dipendenti puoi pagare una parte del compenso di dipendenti, amministratori e collaboratori con le quote della società. Vediamo le tipologie di piani esistenti e come realizzarle.

Tipologie di piano di incentivazione per dipendenti più usate

Esistono due principali tipologie di piano di incentivazione: il piano di stock-option e il piano di work for equity. Entrambi i piani comportano i seguenti vantaggi:

  • maggiore impegno lavorativo di dipendenti e collaboratori, in quanto, i beneficiari sono interessati a far crescere la società e di conseguenza il valore delle proprie quote
  • risparmio finanziario per la società che può remunerare le professionalità di cui ha bisogno con quote o azioni, limitando i compensi in denaro

Entrambi i piani di incentivazione possono essere usati da SRL e SPA (ad es. PMI Innovative o Startup Innovative). Il piano stock option , tuttavia, è usato quasi esclusivamente da società più strutturate come le società quotate in borsa e le altre SPA. Non è possibile, invece, utilizzare i piani di incentivazione per le SRLS (o SRL semplificate).

Piano di Stock-option

Il piano di stock option consente di remunerare e incentivare i dipendenti della società. Attraverso il piano, infatti, i lavoratori ottengono il diritto a sottoscrivere in futuro quote (o azioni) della società a un prezzo predeterminato. L’attribuzione delle stock option è spesso anche condizionata al raggiungimento di determinati obiettivi o performance aziendali.

In pratica, con l’assegnazione delle stock option, la società concede ad alcuni dei propri dipendenti il diritto di acquistare in futuro una certa quantità di azioni a un prezzo predeterminato (cosiddetto, strike price). I dipendenti ottengono un guadagno se lo strike price è inferiore al prezzo delle azioni al momento dell’acquisto.

Ad esempio, un dipendente riceve una stock option per acquistare dopo 24 mesi un’azione della società a € 15. Se al termine dei 24 mesi il valore dell’azione è salito e al momento dell’acquisto vale € 20, il dipendente ottiene un guadagno di € 5 che è dato dalla differenza tra il prezzo di mercato e quello di acquisto.

Questo tipo di piano di incentivazione è pensato esclusivamente per il personale dipendente della società oppure per i lavoratori con un reddito assimilato a quello di lavoro dipendente. Le stock option non possono quindi essere usate per incentivare collaboratori autonomi o consulenti esterni.

Piano di Work for equity

Il piano di work for equity è pensato soprattutto per i collaboratori esterni della società (es. professionisti, consulenti a partita IVA, etc.) ma può essere usato anche per i dipendenti e gli amministratori della società. Si tratta quindi di uno strumento più flessibile rispetto alle stock option.

Con il work for equity, il beneficiario riceve quote (o azioni) della società a titolo gratuito o a un prezzo di favore. Il trasferimento della partecipazione può avvenire subito oppure gradualmente, in proporzione alla durata del rapporto tra società e beneficiario (periodo di vesting). Anche in questo caso, il trasferimento può essere condizionato al raggiungimento di determinati obiettivi aziendali.

Ad esempio, una startup può assegnare il 10% del proprio capitale sociale al work for equity e assegnare la parte spettante a ciascun beneficiario. I beneficiari, per maturare il diritto al trasferimento delle quote, dovranno rispettare il periodo di vesting (in genere, di 24 o 36 mesi). Se il rapporto termina prima del vesting, il beneficiario avrà diritto solo a una parte della quota, in proporzione al periodo lavorato.

Differenza tra Stock option e Work for equity

Le differenze principali tra stock option e work for equity riguardano:

  • i beneficiari del piano che nelle stock option sono limitati ai dipendenti e agli amministratori della società, mentre, nel work for equity includono anche i collaboratori esterni
  • l’assegnazione delle quote (o azioni) che nelle stock-option si limita all’attribuzione di un diritto di opzione, mentre, nel work for equity comporta il trasferimento, anche differito, della partecipazione

Il work for equity è perciò uno strumento adatto a società di vario genere. In particolare, si usa spesso per ricompensare i primi fornitori di una startup (es. il consulente che redige il business plan della startup). Quando i beneficiari del piano sono lavoratori autonomi, infatti, il loro compenso può integralmente essere sostituito con le quote.

Il piano di stock-option è, invece, uno strumento più limitato, usato spesso per incentivare i dipendenti di una società quotata che ha raggiunto determinati obiettivi di crescita. Per realizzare questo piano, la società deve conoscere con esattezza il prezzo delle quote o azioni. Per tale motivo, le startup trovano difficoltà nel determinare il prezzo e scelgono in genere un piano di work for equity.

I documenti per il piano di incentivazione per dipendenti di LexDo.it

Su LexDo.it puoi creare in pochi minuti un piano di incentivazione per dipendenti personalizzato. Ti basterà rispondere a semplici domande per generare i documenti necessari. Potrai specificare il periodo di vesting, i limiti al trasferimento della quota e le clausole di bad leaver. Inoltre, dopo aver scaricato i documenti, ti mostreremo una guida con tutti gli adempimenti successivi necessari. Una volta che questi passaggi saranno completati potrai assegnare le quote ai singoli beneficiari.

  • Work for equity per startup innovative, srl e spa: per scaricare un piano di work for equity personalizzato e distribuire azioni o quote a dipendenti, fornitori e collaboratori di una startup, SRL o SPA
  • Stock option per dipendenti: per richiedere una consulenza legale e realizzare un piano di stock option personalizzato con un avvocato esperto. Si tratta di uno strumento di incentivazione più complesso e in genere usato da società più mature. Potrà essere creato attraverso una consulenza con uno dei nostri esperti.