Questo documento è una variante del documento “CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO CONTINUATIVO

Informazioni su questo Documento Legale

sempre aggiornato da avvocati
16-8-2019
Ultimo Aggiornamento
modello a norma in pochi minuti
9 Minuti
Creazione semplice e veloce
supporto fino alla firma con tutti gli adempimenti legali
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi
Cos'è il Contratto di Subfornitura

Il Contratto di Subfornitura (o produzione conto terzi) è l'accordo con il quale un'impresa committente, incarica un'impresa subfornitrice di realizzare prodotti o servizi da poter incorporare nel proprio processo produttivo, a fronte del pagamento di un corrispettivo.

In particolare, l'impresa subfornitrice si inserisce in una determinata fase del processo produttivo del commitente. Pertanto, il subfornitore si impegna a rispettare i tempi, le modalità e le specifiche tecniche indicate dal committente.

Quando si usa il contratto di produzione conto terzi

Il contratto di subfornitura viene usato da un'impresa committente che non svolge tutte le fasi del proprio processo produttivo, dando incarico a un subfornitore esterno di gestirne una parte. Questo contratto, infatti, viene spesso usato dall'impresa che vuole incaricare a un subfornitore alcune lavorazioni su materie prime o semilavorati da lui forniti. Ad esempio, un'impresa tessile che produce capi di abbigliamento si avvale di un'impresa minore per la lavorazione e produzione di parti del prodotto finale, impartendo direttive sulle specifiche e sul procedimento tecnico da seguire e fornendo i materiali necessari.

Questo contratto può essere stipulato esclusivamente da imprese (o imprenditori). Ciò significa che sia il committente sia il subfornitore devono svolgere professionalmente un'attività organizzata, a scopo di lucro, per la produzione o lo scambio di beni o servizi. Ad esempio, è un'impresa il costruttore che per professione si occupa di erigere e vendere edifici. Al contrario, non è un'impresa l'artista che vende occasionalmente i propri quadri e che non gestisce un processo produttivo organizzato.

Il contratto di subfornitura non va confuso con la prestazione o l'appalto di un'opera definita. Quando l'incarico consiste nella realizzazione di un’opera da consegnare entro un certo termine, come ad esempio la realizzazione di un sito web, si deve utilizzare un contratto di realizzazione o appalto d'opera.

Inoltre, la subfornitura non può essere usata per commissionare una fornitura periodica di beni. In questo caso, il contratto da utilizzare è il contratto di somministrazione di beni.

La legge sulla subfornitura

Il contratto di subfornitura è regolato dalla l. 192 del 1998. La normativa prevede, in particolare, alcuni requisiti che deve avere il contratto. Tra questi, i principali sono la forma scritta, l'indicazione del prezzo, le modalità di pagamento e i relativi termini, le specifiche del bene o del servizio richiesto (es. caratteristiche funzionali o costruttive), le modalità di consegna e di collaudo.

Inoltre, le disposizioni sulla subfornitura prevedono alcune ipotesi di nullità. Ad esempio, è nulla la clausola che attribuisce al committente i diritti di proprietà intellettuale, senza prevedere un congruo corrispettivo per il subfornitore.

Inoltre, è prevista una disciplina specifica dell'abuso di dipendenza economica. Questa situazione si verifica quando il committente utilizza la propria posizione per ottenere delle condizioni particolarmente sfavorevoli per il subfornitore. In queste ipotesi, oltre a considerare nulle tali condizioni, la legge prevede il diritto del subfornitore al risarcimento del danno e la possibilità di richiedere un provvedimento all'Autorità garante della concorrenza e del mercato.

Cosa contiene il contratto di subfornitura

Il nostro contratto di appalto di servizio soddisfa tutti i requisiti legali. Le principali clausole riguardano:

  • Oggetto: la descrizione di ciò che viene fornito all'impresa committente, che dovrebbe includere allegati con le specifiche e caratteristiche tecniche oggetto della subfornitura
  • Standard qualitativi: per garantire livelli minimi nella fornitura
  • Corrispettivo: la possibilità di indicare corrispettivi fissi o variabili, indicando in modo chiaro e determinato le modalità e i termini di pagamento
  • Durata del rapporto: a tempo determinato o indeterminato, con possibilità di rinnovo automatico
  • Rimborsi spese: per particolari costi sostenuti dal fornitore
  • Esclusiva: per vincolare il fornitore a non entrare in affari con i concorrenti del cliente, nei limiti imposti della legge per la tutela del mercato
  • Riservatezza: per impedire al fornitore di divulgare informazioni riservate
  • Proprietà intellettuale: per gestire i diritti di proprietà intellettuale inerenti alla subfornitura
  • Sicurezza sul lavoro: per garantire, quando necessario, il rispetto delle relative prescrizioni di legge
  • Lingua inglese: se la controparte è straniera può essere utile generare il contratto in inglese per facilitare la negoziazione

Alla fine dell'intervista, ti guideremo passo per passo attraverso tutti gli adempimenti successivi necessari.

Informazioni necessarie

Per completare il documento sono necessari tutti i dati delle parti.

Ricorda che la nostra intervista non genera un semplice fac simile di contratto di subfornitura. Sulla base delle tue risposte il sistema elabora automaticamente un modello di contratto personalizzato per le tue esigenze, garantendone la correttezza.

Il documento può essere modificato in ogni sua parte senza limiti di tempo. Non preoccuparti quindi se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento.

Altri nomi

Questo contratto comprende un ampio spettro di situazioni diverse e può quindi essere regolato da più di una tipologia contrattuale, assumendo differenti denominazioni. In ogni caso, la nostra intervista seleziona in base alle risposte dell’utente la disciplina adatta.

Altri documenti utili