Informazioni su questo Documento Legale

Cos'è la Registrazione di un Marchio Comunitario (Europeo)

La Registrazione di un Marchio Comunitario (Europeo) attribuisce al suo titolare il diritto di utilizzo esclusivo del proprio segno distintivo nel territorio europeo.

Tale registrazione tutela il marchio da contraffazioni e frodi attraverso la presentazione di un'unica domanda valida per tutti i 28 Stati membri dell'Unione Europea. Il titolare di un marchio comunitario registrato può quindi vietare a terzi l'utilizzo di segni identici o simili per prodotti o servizi analoghi all'interno del mercato europeo.

Possono essere registrati come marchio tutti i segni rappresentabili graficamente, come denominazioni (parole, lettere, cifre), colori, forme del prodotto o della confezione. È possibile registrare anche suoni o marchi di movimento, vale a dire costituiti da uno spostamento o da un cambiamento degli elementi che compongono il marchio.

Quando si usa la registrazione di un marchio a livello europeo

La registrazione di un marchio a livello europeo è necessaria per rendere valido il proprio segno distintivo in tutto il territorio comunitario. La validità di un marchio europeo registrato è di 10 anni e può essere rinnovata. Il rinnovo del marchio è possibile ad ogni scadenza per un numero illimitato di volte e garantisce la validità per un ulteriore decennio.

Il titolare del marchio può scegliere altri tipi di registrazione oltre a quella europea in base alla copertura territoriale che intende garantire al proprio segno distintivo:

  • Registrazione nazionale: per la registrazione di un marchio entro i confini del proprio Stato
  • Registrazione internazionale: per rendere valido il marchio in uno o più dei quasi 100 Paesi europei ed extraeuropei aderenti al Protocollo di Madrid.

Se il titolare effettua la registrazione nazionale e intende poi espandere la validità del proprio marchio a livello europeo, può chiedere la registrazione comunitaria. Tuttavia ciò non sarà possibile se un altro soggetto ha già provveduto a registrare lo stesso marchio in un altro Stato membro. Ad esempio, se l'azienda Alfa registra il marchio "Stop" in Italia e l'azienda Beta registra il medesimo marchio in Francia, nè Alfa nè Beta potranno in seguito registrare il marchio "Stop" a livello europeo. Qualora una delle due aziende presenti domanda di registrazione comunitaria, l'altra potrà infatti opporsi.

Qual è la procedura di registrazione di un marchio comunitario

L'iter di registrazione di un marchio comunitario si compone di diverse fasi:

  1. Ricerca della disponibilità (anteriorità): attraverso la consultazione di apposite banche dati si accerta la non esistenza di marchi identici o simili già registrati sia a livello nazionale sia a livello comunitario
  2. Deposito della domanda di registrazione: la domanda viene presentata all'EUIPO (Ufficio dell'Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) in formato cartaceo oppure online. Nella domanda occorre indicare le classi a cui appartengono i prodotti e/o i servizi contraddistinti dal marchio. La scelta viene effettuata tra le 45 classi previste dalla Classificazione di Nizza
  3. Pubblicazione e periodo di opposizione: la domanda di registrazione viene sottoposta all'esame da parte dell'EUIPO che ne vaglierà la correttezza e provvederà alla pubblicazione del marchio comunitario. Dal giorno della pubblicazione i terzi avranno a disposizione 3 mesi di tempo per presentare eventuali opposizioni alla registrazione (es. marchio simile già esistente)
  4. Registrazione e mantenimento: in assenza di opposizioni, il marchio viene registrato e reso valido nel territorio europeo. La normativa europea stabilisce che l'utilizzo del marchio deve essere effettivo per un periodo di almeno cinque anni a decorrere dalla sua registrazione. In caso contrario, i terzi possono contestarne il mancato uso.
    È possibile attivare un servizio di sorveglianza sul marchio per conoscere tempestivamente eventuali depositi da parte di terzi di marchi uguali o simili al proprio per beni e/o servizi analoghi.

Requisiti necessari per la registrazione di un marchio comunitario

Per registrare un marchio comunitario è indispensabile che il depositante sia l'unico titolare del proprio segno distintivo. Una volta depositata la domanda di registrazione, bisogna mantenere aggiornati i propri dati identificativi (nome e cognome o ragione sociale, indirizzo o sede, mail, telefono, etc.) per essere facilmente contattabili dall'EUIPO.

Inoltre, il titolare deve accertarsi che il marchio da registrare sia:

  • Distintivo: il marchio deve distinguere chiaramente i prodotti e/o servizi del titolare da quelli delle altre aziende presenti nel mercato comunitario
  • Non descrittivo: il marchio non deve limitarsi a descrivere il prodotto o il servizio in sè (es. non è possibile registrare come marchio unicamente la parola "acqua" o "energia elettrica").

Altri documenti utili

Quali sono i costi di registrazione di un marchio europeo

Per registrare e mantenere un marchio europeo bisogna sostenere i seguenti costi:

  • Tasse di base: per la presentazione della domanda di registrazione presso l'EUIPO. L'importo è di € 1.000 per la domanda cartacea, ridotto a € 850 se la domanda viene presentata online e garantisce la tutela del marchio per una sola classe di prodotti o servizi. Per aggiungere una seconda classe bisogna versare un'altra tassa di € 50. Per aggiungere altre classi, a partire dalla terza in poi, è dovuta una ulteriore tassa di € 150 per ogni classe inserita
  • Tassa di rinnovo: da versare ad ogni scadenza decennale della validità del marchio. Gli importi sono uguali a quelli delle tasse di base. In caso di versamento tardivo per il rinnovo è prevista una maggiorazione del 25% dell'importo della tassa, fino ad un massimo di € 1.500.

La registrazione può risultare complicata per il titolare che deve prendere diverse decisioni tecniche (es. scelta delle classi di prodotti e/o servizi) e deve in ogni caso verificare l'esistenza di eventuali marchi confondibili già registrati. Per evitare errori potenzialmente gravi e garantire l'effettiva protezione del proprio marchio è quindi sempre consigliabile rivolgersi ad un consulente esperto che si occupi dell'intera procedura.

Cosa offre LexDo.it

Tramite il nostro sito puoi richiedere la registrazione di un marchio comunitario che verrà gestita da un avvocato esperto in materia.

Gli utenti iscritti ai nostri piani completi possono richiedere il nostro servizio di registrazione marchio europeo a partire da € 266, oltre tasse e bolli, che include:

  • ricerca di identità gratuita per verificare se vi sia già un marchio registrato identico;
  • selezione della tipologia di marchio più adatta;
  • deposito della domanda e registrazione.
RICHIEDI CONSULENZARICHIEDI CONSULENZA