Informazioni su questo Documento Legale

Cos’è la sorveglianza del marchio

Il servizio di sorveglianza di un marchio consente al titolare di un marchio di essere costantemente informato del deposito nel territorio sorvegliato di marchi identici o simili per beni e servizi identici o affini. In tal modo potrà agire tempestivamente e impedire che il marchio giunga a registrazione.

La sorvegianza è cruciale per permettere di decidere per tempo di tutelare la unicità del proprio marchio. Per fermare la registrazione di un marchio in modo economico è necessario infatti instaurare una procedura di opposizione presso l’ufficio Brevetti e Marchi competente entro i termini. Una volta superati i limiti per l'opposizione, i rimedi possibili per interrompere l'uso del marchio diventano notevolmente meno efficenti e molto più costosi.

Quali sono i vantaggi della sorveglianza del marchi

La sorveglianza dei marchi serve principalmente per prevenire una minaccia potenziale di perdita di mercato e di immagine e impedire che un marchio identico o simile venga registrato.

Può accadere infatti che un soggetto utilizzi e/o richieda la registrazione di un marchio, simile o identico a quello di cui si è titolari per beni e/o servizi identici o affini e che dunque si verifichino episodi di contraffazione del proprio marchio. Per sapere se ciò si verifichi l'unico modo è quello di attivare il servizio di sorveglianza.

Come funziona la sorveglianza del marchio

Se fosse identificata una domanda di registrazione per un marchio identico o simile al proprio, potrebbe esserne impedita la registrazione instaurando una procedura di opposizione dinanzi all’ufficio marchi competente, la quale ha costi limitati (pagamento di una tassa di € 250 oltre a bolli e onorari di rappresentanza) e tempi veloci di risoluzione.

La procedura di opposizione deve essere avviata entro 3 mesi dalla pubblicazione della domanda di marchio sul Bollettino dei marchi italiani o europei ed entro 4 mesi dalla data di pubblicazione del marchio internazionale nella Gazzetta dell’ufficio internazionale.

L’opposizione deve contenere – a pena di inammissibilità – conferimento di incarico a mandatario abilitato, l’identificazione del marchio potenzialmente lesivo e del/i marchio/i su cui è basata l’opposizione e i relativi prodotti e servizi ed i motivi su cui si fonda l’opposizione (ad esempio rischio di confusione/associazione) .

Qualora non venga proposta l’opposizione dinanzi all’ufficio marchi, l’unica alternativa per bloccare la registrazione di un marchio potenzialmente pericoloso sarebbe quella di incardinare una causa civile (giudizio di merito o cautelare) con tempi e costi elevati.

Cosa offre LexDo.it

Tramite il nostro Sito puoi richiedere la sorveglianza del marchio che verrà gestita da uno degli avvocati del nostro network esperto della materia.