Questo documento è una variante del documento “CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO PER DIPENDENTI

Informazioni su questo Documento Legale

1-6-2017
Ultimo Aggiornamento
5 Minuti
Creazione semplice e veloce
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi

Cos’è il contratto di lavoro a tempo indeterminato – Introduzione

Il contratto di lavoro a tempo indeterminato è la forma comune con cui viene regolato un rapporto di lavoro senza limiti di durata tra un datore di lavoro e un impiegato, un operaio o un quadro. L'accordo viene usato per disciplinare la prestazione del lavoratore e la retribuzione che egli riceverà in cambio del suo lavoro. Il rapporto a tempo indeterminato, cioè senza la previsione di un termine di scadenza, è la tipologia di rapporto di lavoro più comune, e si differenza dal contratto di lavoro a tempo determinato, che viene usato per regolare rapporti di lavoro con una durata prestabilita.

Questo contratto è disciplinato dalle norme del Codice Civile (art. 2096-2129), da numerose leggi speciali, come lo Statuto dei lavoratori (L. 20 maggio 1970 n. 300) e dalle leggi del Jobs act (tra i quali i più rilevanti sono il D.Lgs 4 marzo 2015 n.23 ed il D.Lgs 15 giugno 2015, n. 81).
Inoltre è regolato dai contratti collettivi nazionali del lavoro (CCNL) che sono stipulati dalle organizzazioni dei datori di lavoro (es. Confindustria, Confcommercio) e dai sindacati dei lavoratori (CGIL, CISL e UIL). L’applicazione di tali contratti collettivi è obbligatoria solo per i datori di lavoro iscritti alle associazioni che li hanno stipulati. Se il datore di lavoro non è iscritto ad un’associazione sindacale datoriale potrà scegliere liberamente se applicare o meno il relativo contratto collettivo.

Quando si usa il lavoro a tempo indeterminato

Viene usato in tutti i casi in cui si voglia instaurare un rapporto di lavoro subordinato senza limiti di tempo con qualsiasi tipo di lavoratore ad eccezione dei dirigenti, per i quali la legge prevede una disciplina specifica.

Per instaurare un contratto di lavoro senza una durata determinata il Codice Civile non richiede espressamente la forma scritta per essere valido. Tuttavia, il dipendente ha diritto di ricevere un documento con le condizioni del contratto e viene quasi sempre utilizzato un documento scritto per permettere alle parti di regolare il rapporto in modo dettagliato e per pattuire determinate clausole che richiedono la forma scritta (come il periodo di prova).

Come può cessare il contratto a tempo indeterminato

Trattandosi di un rapporto di lavoro senza un limite di durata, la cessazione del rapporto di lavoro può derivare da un accordo tra le parti, con il quale sia datore che lavoratore decidono insieme di interrompere il contratto, oppure anche unilateralmente, nel caso in cui il datore di lavoro licenzi il lavorare o nel caso in cui il lavoratore decida di dimettersi.

Mentre il lavoratore ha la possibilità di dimettersi in qualsiasi momento senza una motivazione, salvo l’obbligo di dare un preavviso al datore di lavoro (a meno che in casi di grave inadempimento del datore di lavoro, come per esempio il mancato pagamento della retribuzione), il datore deve fornire una motivazione al licenziamento:

  • Licenziamento per giusta causa: nel caso in cui si verifichi un comportamento talmente grave da non consentire, neppure in via provvisoria, la prosecuzione del rapporto di lavoro. In questo caso non è previsto nemmeno l’obbligo del preavviso da parte del datore in quanto il rapporto di lavoro cessa immediatamente (art 2119 del Codice Civile).
  • Licenziamento per giustificato motivo soggettivo: se si verifica un inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore non così gravi però da rientrare nella giusta causa. A differenza della giusta causa, quindi, l’inadempimento ricollegabile al giustificato motivo soggettivo, prevede l’obbligo del preavviso da parte del datore e non la cessazione immediata del rapporto di lavoro.
  • Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: licenziamento per ragioni inerenti all'attività produttiva, all'organizzazione del lavoro e al suo regolare funzionamento. Consiste quindi nel licenziamento che deriva, non da un inadempimento del lavoratore, ma da una motivazione ricollegabile alla sfera dell’attività del datore di lavoro, per esempio nel caso in cui il datore di lavoro sopprima il posto di lavoro ricoperto dal lavoratore licenziato. Anche in questo caso la legge prevede l’obbligo del preavviso in capo al datore di lavoro.
  • Altri casi che legittimano il recesso del datore di lavoro sono: il mancato superamento del periodo di prova (in cui non occorre una motivazione); il caso di superamento del periodo di comporto di malattia.

Cosa contiene il contratto

Il nostro contratto di lavoro subordinato soddisfa tutti i requisiti legali. Le principali clausole incluse riguardano:

  • Le mansioni: una descrizione delle attività richieste al lavoratore
  • Un periodo di prova: un primo periodo di lavoro, con meno vincoli sulla cessazione del rapporto, per verificare che, sia datore di lavoro che dipendente, siano soddisfatti
  • La retribuzione: con una guida per il rispetto dei minimi
  • Il bonus: la possibilità per l’azienda di offrire al proprio lavoratore un bonus annuale discrezionale
  • La provvigione: l’opzione di offrire al lavoratore come incentivo una percentuale sulle vendite che egli realizza
  • Le ferie e i permessi
  • I buoni pasto: per le pause del lavoratore

Inoltre dopo l'acquisto ti guideremo passo per passo attraverso tutti gli adempimenti successivi necessari per l'assunzione e, come servizio aggiuntivo, potremmo aiutarti nell'iniziare e mantenere correttamente il rapporto di lavoro (buste paga, contributi etc.).

Informazioni necessarie

Per completare il contratto sono necessari tutti i dati del datore di lavoro e del lavoratore.

Il contratto può essere modificato gratuitamente in ogni sua parte fino a 1 mese dopo l'acquisto. Non preoccuparti quindi se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento.

Altri nomi

  • Lettera di assunzione a tempo indeterminato
  • Contratto per impiegati, operai, quadri a tempo indeterminato
  • Contratto a tutele crescenti (Jobs Act)

Altri documenti utili