Questo documento è una variante del documento “CONTRATTO DI CESSIONE DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE

Informazioni su questo Documento Legale

sempre aggiornato da avvocati
20-6-2019
Ultimo Aggiornamento
modello a norma in pochi minuti
5 Minuti
Creazione semplice e veloce
supporto fino alla firma con tutti gli adempimenti legali
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi
Che cos'è il Contratto di Cessione di Marchio

Il Contratto di Cessione di Marchio è un accordo con il quale il titolare (cedente) di questa tipologia di proprietà industriale trasferisce a un altro soggetto (cessionario) la proprietà del marchio e tutti i diritti connessi.

Con questo contratto il marchio viene trasferito in via esclusiva e definitiva al cessionario che ne diverrà il nuovo ed unico proprietario. La cessione del marchio registrato deve sempre essere in forma scritta e regola tutti gli aspetti del trasferimento, quali l'eventuale corrispettivo per la cessione, la cessione totale o parziale del marchio, etc.

Si ricorda che il marchio è il segno distintivo creato per contraddistinguere i prodotti e/o i servizi di un’impresa da quelli delle altre imprese operanti sul mercato. Il marchio può essere qualunque segno rappresentabile graficamente (es. disegni, lettere, cifre, suoni, parole, forma di un prodotto, combinazione cromatica, etc.). Il marchio può essere ceduto senza la necessità di trasferire anche la ditta (il nome commerciale dell'impresa).

Quando si usa il contratto di trasferimento del marchio

Il trasferimento del marchio può essere totale o parziale. La cessione totale del marchio si usa quando si vogliono trasferire tutti i diritti relativi al marchio e tutti i prodotti e/o servizi coperti dal marchio. La cessione parziale del marchio si usa, invece, quando il titolare vuole trasferire i diritti relativi ad alcuni prodotti e/o servizi contraddistinti dal marchio.

Ad esempio, il titolare del marchio "ABC" registrato nella classe 25 (articoli d'abbigliamento, scarpe, cappelleria) può cedere tale marchio ad una società per consentire la vendita dei soli articoli di abbigliamento. In questo caso, il titolare potrà continuare ad utilizzare il marchio per gli altri prodotti della categoria (scarpe e cappelleria). Se invece il titolare cede il marchio nella sua totalità, si spoglia definitivamente della possibilità di continuare a usare il marchio.

Con questo contratto inoltre può essere ceduto sia un marchio registrato o in fase di registrazione sia un marchio non registrato (marchio di fatto) che però gode di una tutela giuridica più debole. Chi usa un marchio senza registrarlo ha la possibilità di continuare ad utilizzarlo, anche se la registrazione viene effettuata da terzi, con le modalità e nel territorio in cui lo ha sempre utilizzato, ma senza poter vantare un uso esclusivo del marchio (art. 2571 c.c.). Chi ottiene la registrazione, invece, gode di una presunzione assoluta della titolarità del diritto e di una protezione estesa a tutto il territorio in cui è stato registrato.

Il contratto di cessione si usa quando si vuole trasferire in modo definitivo la titolarità del marchio. Al contrario, se il titolare di un marchio vuole concedere l'utilizzo temporaneo del marchio o in un determinato territorio, dovrà utilizzare il contratto di licenza d'uso del marchio. Ad esempio, con la licenza il titolare autorizza un altro soggetto ad utilizzare il marchio per un periodo di 2 anni, a fronte del pagamento di una royalty sulle vendite.

Trascrizione della cessione di marchio registrato

La trascrizione è lo strumento facoltativo per rendere pubblico ed efficace nei confronti di terzi il trasferimento della proprietà del marchio. Infatti, la trascrizione serve a risolvere le controversie quando più acquirenti dichiarano di avere la proprietà dello stesso marchio. In questo caso, prevale chi trascrive per primo (art. 139 c.p.i.).

La trascrizione della cessione di marchio può essere eseguita presso l’ufficio in cui è stato registrato il marchio (es. Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, per il marchio nazionale e internazionale). Il richiedente deve presentare un’istanza di trascrizione in bollo (in via telematica o cartacea) con gli estremi del marchio ceduto (numero di domanda o di registrazione). Inoltre, l'istanza deve essere completata da alcuni allegati: l'originale o la copia conforme del contratto di cessione del marchio e l'attestazione del pagamento delle tasse relative alla registrazione.

Cosa contiene il contratto di cessione marchio

Il nostro contratto di cessione di marchio soddisfa tutti i requisiti legali. Le principali clausole riguardano:

  • Oggetto: per descrivere esattamente il marchio ceduto
  • Cessione totale o parziale del marchio: per scegliere se la cessione è totale o parziale (in questo ultimo caso vanno specificati i prodotti e/o servizi per i quali il marchio viene ceduto)
  • Corrispettivo: per specificare un importo fisso, variabile o entrambe le tipologie. In alternativa, è possibile prevedere che la cessione sia gratuita
  • Garanzie e dichiarazioni del cedente: con le quali il titolare garantisce che il marchio non è gravato da alcun vincolo, che non viola diritti di terzi, di non fare concorrenza al cessionario, etc.
  • Obblighi di protezione: obblighi del cedente a tenere indenne il cessionario in caso di contestazioni di terzi sul marchio
  • Oneri e spese: le spese sono a carico del cessionario con l'impegno del cedente di collaborare per l'eventuale trascrizione del marchio

Dopo l'acquisto ti guideremo passo per passo attraverso tutti gli adempimenti successivi necessari affinché il tuo contratto sia legalmente vincolante tra le parti.

Informazioni necessarie

Per completare il documento sono necessari tutti i dati delle parti e del marchio ceduto.

Ricorda che la nostra intervista non genera un semplice fac-simile di contratto di cessione del marchio. Sulla base delle tue risposte il sistema elabora automaticamente un modello di contratto personalizzato per le tue esigenze esatte garantendone la correttezza legale.

Il documento può essere modificato in ogni sua parte senza limiti di tempo. Non preoccuparti quindi se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento. 

Altri nomi
Altri documenti utili