Accordo di riservatezza: cos’è e come scriverlo

accordo di riservatezza 2

Quando si inizia una trattativa, spesso c’è la necessità di condividere dei dati confidenziali che non è opportuno divulgare all’esterno. Come cautelarsi? Con l’accordo di riservatezza

Prima di condividere dati confidenziali, può essere siglata un’intesa precontrattuale che ha efficacia immediatamente vincolante, indipendentemente dall’esito delle negoziazioni o dalla conclusione del contratto definitivo.

Queste intese sono gli accordi di riservatezza o altrimenti detti “accordi di non divulgazione” (o Non Disclosure Agreement – NDA), mediante i quali le parti decidono di non svelare dati sensibili (informazioni commerciali, dati finanziari, strategie di marketing, segreti industriali, know-how, ecc.) che non sono di pubblico dominio.

L’accordo di riservatezza può essere reciproco o vincolare una sola delle parti.

Un buon accordo di riservatezza deve prevedere:

1. la definizione di quali siano le informazioni confidenziali (brevetti, know-how, informazioni finanziarie, strategie, business plan, ecc.);

2. i tipi di divulgazioni ammesse (per esempio quelle richieste dall’autorità giudiziaria);

3. i doveri dei dipendenti, dei collaboratori e dei consulenti del soggetto che si è impegnato alla riservatezza;

4. la durata degli obblighi di non divulgazione e della validità dell’accordo di riservatezza;

5. la quantificazione del danno derivante da violazione degli accordi;

6. l’esclusione di cosa non deve essere confidenziale.

 

 

One thought on “Accordo di riservatezza: cos’è e come scriverlo

  1. Pingback: Fac simile accordo di riservatezza - TrovaContratto | TrovaContratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *