Questo documento è una variante del documento “LETTERA DI RECESSO O DI RISOLUZIONE

Informazioni su questo Documento Legale

20-9-2018
Ultimo Aggiornamento
4 Minuti
Creazione semplice e veloce
Supporto fino alla firma
Guida adempimenti successivi
Cos’è la Lettera di Disdetta del Contratto di Locazione

La Lettera di Disdetta del Contratto di Locazione è l’atto con il quale l’inquilino (conduttore) e il proprietario (locatore) possono sciogliere il contratto di affitto di un immobile in via anticipata.

Il contratto di locazione si rinnova tacitamente alla prima scadenza (dopo 4, 6 o 9 anni, a seconda che si tratti di una locazione abitativa, commerciale o alberghiera) e a quelle successive. Con la lettera di disdetta si può impedire il rinnovo automatico dell’accordo.

La legge prevede che la disdetta sia comunicata, tramite raccomandata, con un preavviso di 6 mesi in caso di locazioni abitative, di 12 mesi per le locazioni commerciali o di 18 mesi per le locazioni alberghiere, se non stabilito diversamente dalle parti nell’accordo. Se non si rispetta il termine di preavviso, il contratto si rinnoverà automaticamente alle stesse condizioni di quello precedente.

Quando si usa la lettera di disdetta del contratto di locazione

La lettera di disdetta può essere usata sia dal conduttore che dal locatore per sciogliere in via anticipata il contratto. Si prevede una disciplina diversa a seconda che sia l’inquilino o il proprietario a dare la disdetta.

L’inquilino può recedere dal contratto di locazione in via anticipata in qualsiasi momento se il contratto prevede un apposita clausola di recesso convenzionale, oppure, in presenza di gravi motivi.

Costituiscono gravi motivi tutti quei fatti involontari, imprevisti e sopravvenuti, quindi estranei al controllo del conduttore, che rendono impossibile la prosecuzione del contratto. La legge non prevede un elenco tassativo di questi motivi ma negli anni la giurisprudenza ne ha individuati alcuni. Per es. in caso di perdita del salario, del posto di lavoro, al verificarsi di una grave e inaspettata crisi economica della propria azienda. In questi casi la disdetta va sempre comunicata 6 mesi prima della scadenza.

Il locatore può recedere alla prima scadenza contrattuale, quindi dopo i primi 4, 6 o 9 anni, solo per i seguenti motivi indicati dalla legge n. 431 del 1998, art. 3:

  • se vuole destinare l’immobile ad uso personale o ad un membro della famiglia (entro il secondo grado);
  • se vuole destinare l’immobile all’esercizio di finalità pubbliche, sociali, etc.;
  • se il conduttore ha piena disponibilità di un alloggio libero ed idoneo nello stesso comune;
  • se l’immobile è compreso in un edificio gravemente danneggiato che dovrà essere ricostruito;
  • se l’immobile si trova in uno stabile del quale è prevista l’integrale trasformazione;
  • se il conduttore non occupa continuativamente l’immobile senza giustificato motivo;
  • se intende vendere l’immobile a terzi e non ha la proprietà di altri immobili ad uso abitativo (in tal caso al conduttore è riconosciuto il diritto di prelazione).

Alla seconda scadenza invece entrambe le parti potranno recedere semplicemente rispettando il preavviso richiesto dal proprio contratto.

Le parti possono anche decidere di risolvere il contratto di comune accordo (risoluzione consensuale) o in caso di inadempimento (risoluzione per inadempimento) in qualsiasi momento.
Alcuni esempi di inadempimento sono: l’inquilino che non ha pagato il canone, oppure, il proprietario che non ha messo a disposizione l’immobile nei tempi stabiliti.

Cosa contiene il contratto

Una buona lettera di disdetta del contratto di locazione deve contenere tutti i requisiti previsti dalla legge. I punti principali riguardano:

  • dati dell'immobile
  • motivo: ti aiuteremo a indicare la causa che induce la parte a sciogliere il contratto
  • disdetta consensuale: è sempre possibile specificare se le parti sono d’accordo di sciogliere il contratto
  • preavviso: se sul contratto non è stabilito alcun termine di preavviso, la disdetta deve rispettare i termini previsti dalla legge
  • data: si dovrà inserire la data di riconsegna dell’immobile
  • cauzione: si può precisare se era stata versata una cauzione e pretenderne la restituzione

Inoltre, dopo l’acquisto, ti guideremo passo per passo attraverso tutti gli adempimenti successivi necessari per far sì che la lettera di disdetta sia efficace.

Informazioni necessarie

Per rispondere all’intervista saranno necessari i dati relativi alle parti e al contratto di locazione.

Il contratto può essere modificato gratuitamente in ogni sua parte fino a 1 mese dopo l'acquisto. Non preoccuparti quindi se non hai a disposizione tutte le informazioni durante l’intervista, potrai sempre inserirle in un secondo momento.

Altri nomi

Altri nomi del contratto:

  • Lettera di risoluzione del contratto di locazione
  • Lettera di disdetta della locazione
  • Lettera di recesso dal contratto di locazione

Altri documenti utili