Informazioni su questo Documento Legale

Cos'è il contratto preliminare di compravendita di immobile

Il contratto preliminare di compravendita di un immobile, chiamato anche “compromesso”, è un contratto con cui venditore si impegna a vendere un immobile all’acquirente che si obbliga ad acquistarlo.

Con il contratto preliminare non avviene ancora il trasferimento della proprietà, ma le parti si obbligano a stipulare il rogito notarile entro una determinata data.

Va redatto in forma scritta e può essere trascritto nei registri immobiliari per rendere il preliminare opponibile a terzi.

Il contratto preliminare deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate entro 20 giorni dalla firma del preliminare oppure 30 giorni se il contratto è redatto con l'intervento di un notaio.

Quando si usa il compromesso immobiliare

Per comprare un immobile stipulare un compromesso non è obbligatorio, si potrebbe firmare subito il rogito dal notaio.

Le parti però di solito preferiscono formalizzare l’accordo raggiunto sul prezzo e su altri elementi della compravendita. Pertanto il contratto preliminare si usa generalmente quando:

  • l’acquirente può avere la necessità di ottenere un mutuo o liberare le somme per pagare il prezzo,
  • il venditore può aver bisogno di tempo per sgomberare la casa o per trovare un nuovo immobile dove trasferirsi.

Ciò che viene concordato nel contratto preliminare di compravendita di immobile sarà riprodotto anche nel contratto definitivo e potrà essere modificato solo con l’accordo scritto di entrambe le parti.

Cosa contiene il contratto preliminare di vendita di immobile

Nel contrato preliminare di cessione dell’immobile vanno indicati i seguenti elementi:

  • la descrizione dell’immobile e i dati catastali, con allegata preferibilmente una palinimetria;
  • la descrizione degli impianti;
  • la consegna dell’attestato di prestazione energetica (APE);
  • l’indicazione del prezzo e le modalità di pagamento ed eventuali versamenti di acconti (caparra confirmatoria);
  • i tempi di consegna dell’immobile;
  • la data entro cui deve essere stipulato il rogito.

Se l'acquirente vuole farsi finanziare l'acquisto dalla banca, si consiglia di condizionare la vendita all'effettiva concessione del mutuo.

Altri documenti utili