DOMANDE FREQUENTI
Contratto di Distribuzione Commerciale

INDICE
•  È necessario indicare obbligatoriamente un territorio per un contratto di distribuzione?
•  Come funzionano le clausole di esclusiva e di non concorrenza di un contratto di distribuzione?
•  Cos'è il credito documentario e perché si usa per la distribuzione di prodotti?

È necessario indicare obbligatoriamente un territorio per un contratto di distribuzione?

In un contratto di distribuzione commerciale è sempre necessario indicare l'ambito territoriale in cui il distributore andrà ad operare. Caratteristica di questo contratto, infatti, è che il distributore si obblighi a distribuire determinati prodotti di un'azienda in uno specifico territorio. Un esempio è l'impresa tecnologica che concede la vendita delle sue TV ad un distributore che a sua volta si impegna a rivenderle nella Regione Lombardia.

Per evitare incertezze sull'individuazione dei termini dell'accordo, le parti dovranno individuare in modo chiaro il territorio dove i prodotti verranno commercializzati. Non sarà quindi possibile inserire nel contratto indicazioni generiche del territorio come ad esempio "il Nord Italia", ma sarà opportuno specificare territori specifici e ben definiti come "Piemonte e Lombardia".

L'indicazione del territorio potrà avvenire direttamente nel testo del contratto oppure in un allegato. L'allegato può essere comodo quando è necessario inserire un elenco molto lungo e dettagliato. Inoltre l'allegato potrà essere modificato in un secondo momento senza dover modificare l'intero testo del contratto di distribuzione. Basterà allegare un nuovo documento e assicurarsi che sia firmato da entrambe le parti, mantenendo la validità del contratto originale.

Come funzionano le clausole di esclusiva e di non concorrenza di un contratto di distribuzione?

In un contratto di distribuzione commerciale è possibile inserire delle clausole di esclusiva a favore di una delle parti o di entrambe. In particolare, esistono due tipologie di esclusiva per la distribuzione:

  • esclusiva a favore del distributore: il fornitore è obbligato a vendere i prodotti esclusivamente ad un solo distributore sul territorio prescelto. In questo modo, il fornitore non potrà incaricare altri distributori, agenti o intermediari per la distribuzione e non potrà vendere direttamente ai propri clienti. L'unica eccezione possibile è che nel contratto, oltre all'esclusiva, sia prevista una clausola di riserva che consenta al fornitore di vendere direttamente ad alcuni clienti (detti clienti direzionali) anche se all'interno del territorio di competenza del distributore.
  • esclusiva a favore del fornitore (obbligo di non concorrenza): verrà imposto al distributore il divieto assoluto di operare con concorrenti del fornitore. I termini dell'accordo impegneranno quindi il distributore, per tutta la durata del contratto, a non distribuire, fabbricare o rappresentare prodotti concorrenti a quelli che distribuisce per il fornitore o ad operare con aziende concorrenti. Il distributore sarà comunque libero di operare con prodotti non concorrenti, ma dovrà comunque informare per iscritto il fornitore.

Per essere valide, le clausole di esclusiva devono essere previste espressamente nel contratto.

Cos'è il credito documentario e perché si usa per la distribuzione di prodotti?

Il credito documentario è uno strumento di pagamento utilizzato nel commercio internazionale per realizzare transazioni garantite da una banca. Si tratta di un impegno scritto attraverso cui una banca si obbliga irrevocabilmente ad effettuare un pagamento per conto di un compratore e a favore di un venditore, a condizione che vengano presentati dal venditore determinati documenti conformi (es. documenti di trasporto) secondo quanto stabilito dalle parti.

Nell'ambito della distribuzione commerciale internazionale, le parti hanno la necessità di garanzie per tutelarsi da un eventuale inadempimento in quanto risiedono in luoghi molto distanti. Attraverso il credito documentario, il distributore autorizza la banca in modo irrevocabile ad emettere il pagamento nei confronti del fornitore, ma solo a condizione che la merce sia stata spedita nei termini stabiliti. In questo modo il venditore è certo che se invierà la merce sarà pagato e il distributore avrà a sua volta la certezza che pagherà soltanto se la spedizione avrà avuto luogo nei modi e nei termini concordati.

Crea il tuo documento in minuti con la nostra intervista guidata
CREA IL TUO DOCUMENTOCREA IL TUO DOCUMENTO
Crea il tuo documento in minuti con la nostra intervista guidata
CREA IL TUO DOCUMENTOCREA IL TUO DOCUMENTO