E-commerce: chi paga le spese di restituzione in caso di recesso?

Chi deve pagare le spese di restituzione in caso di recesso per gli acquisti online?  Cosa si intende con il termine "diritto di recesso" e come si esercita? Tutte le regole sulla vendita online quando il consumatore cambia idea.

E-commerce: chi paga le spese di restituzione in caso di recesso?

Cosa si intende per “diritto di recesso”?

Il diritto di recesso è conosciuto anche come il “diritto al ripensamento”. Il consumatore che per qualsiasi motivo si pente o cambia idea dell’acquisto effettuato di un bene materiale (es. computer, smartphone, libro, etc.), può restituire il bene e chiedere il rimborso del prezzo pagato.

Per il Codice del Consumo, in caso di acquisto online, il consumatore può esercitare il diritto di recesso entro 14 giorni dal ricevimento del bene attraverso una comunicazione al venditore. Il termine di 14 giorni si trasforma in 1 anno e 14 giorni se il venditore non informa correttamente il consumatore del suo diritto di recesso. È molto importante quindi predisporre i documenti necessari per regolare un e-commerce a norma di legge ed evitare simili problemi.

Il consumatore deve restituire il bene acquistato entro 14 giorni da quando comunica di volere recedere. Il venditore è invece tenuto a rimborsare il pagamento entro 14 giorni da quando riceve la comunicazione. Queste regole si applicano a tutti gli acquisti online e in tutti gli altri casi di acquisti conclusi a distanza (ad es. acquisti conclusi telefonicamente).

Spese di restituzione: chi deve pagarle?

Il diritto al ripensamento prevede che il consumatore non sostenga nessun costo come conseguenza del rimborso. L’unica eccezione è il costo per le spese di restituzione che dovranno essere pagate dal consumatore. Il venditore può però decidere di farsi carico di queste spese e offrire il reso gratuito (ad es. come politica commerciale per incentivare gli acquisti online).

Il venditore dovrà sempre informare il consumatore sulle politiche di restituzione. In caso di mancata informazione infatti le spese di reso saranno a carico del venditore. È quindi importante specificare quali siano le regole sulla restituzione del bene nel documento di termini e condizioni di vendita per e-commerce e nella conferma d’ordine.

E le spese di consegna originariamente sostenute dal consumatore?

Il venditore ha l’obbligo di rimborsare tutti i pagamenti ricevuti dal consumatore che ha esercitato il diritto di recesso. Il rimborso include il costo del prodotto e anche le spese di spedizione che il consumatore ha sostenuto originariamente per la consegna.

Il venditore dovrà rimborsare solo le spese di consegna “standard” cioè il tipo di spedizione meno costosa. Non è tenuto invece rimborsare eventuali costi aggiuntivi legati alla scelta del consumatore di una spedizione “particolare” (ad es. un corriere espresso più caro, consegna urgente, etc.).

I nostri documenti per l’e-commerce

Su LexDo.it potrai creare in pochi minuti i documenti personalizzati per il tuo e-commerce rispondendo a poche semplici domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *